Calciomercato LIVE

Falciano '16. Palazzo: "Grande gruppo, per il 2018 vogliamo..."

G. Palazzo, D.s. Falciano 2016
G. Palazzo, D.s. Falciano 2016

Il Falciano chiude il suo 2017 con una Coppa in bacheca ed il secondo posto nella classifica del girone A di 2a categoria. Una annata dunque positiva della quale abbiamo fatto un bilancio con il D.s. Gennaro Palazzo dando anche uno sguardo al futuro.

Qual è stato il momento più bello del 2017 calcisticamente parlando per te ed il Falciano?

Il momento più bello credo sia stata la vittoria in Coppa: si è trattato del nostro primo trofeo, il primo di quella ci auguriamo possa essere una lunga serie per una società nata solo nel 2016 e per la quale dobbiamo ringraziare la proprietà Di Donato-Capriglione che fanno sacrifici enormi per portare di nuovo il calcio a Falciano del Massico. Inoltre credo che tra i "momenti positivi" ci debba anche essere il fatto che abbiamo creato un gruppo unito, di amici prima che compagni di squadra: un gruppo di ragazzi unici che mettono il bene della squadra prima di ogni altra cosa ed i risultati sul campo testimoniano tutto questo.

Quale invece il momento più brutto?

Per nostra fortuna il 2017 non ci ha riservato momenti brutti. Ripeto siamo giovani e quindi tutto quello che ci accade, anche i negativo, lo viviamo come un nuovo passo nel nostro percorso di crescita.

Quali sono le prospettive e i "desideri" per il 2018?

Di prospettive e desideri potremmo parlarne per ore ma tutto passa dallo spirito di abnegazione che metteremo da ora in avanti in ogni singolo allenamento e in ogni singola azione, sia da parte della squadra che della società. Siamo consapevoli di avere tra le mani un grande progetto sia a livello giovanile, con una scuola calcio con circa 80 iscritti, che di prima squadra. Spero che il prossimo campionato che disputeremo possa essere di categoria superiore e credo che questo per una società giovane come la nostra sarebbe un grande traguardo. 

Colgo l'occasione anche per augurare Buon Anno a tutte le persone che ci sono vicine e ai nostri tifosi. 

Maurizio Morante